Cosa vedere nei dintorni di Riccione

Chi ama il Medioevo e l’atmosfera sacra di quell’epoca deve visitare Gradara. La città è un borgo antico conservato alla perfezione dove i balconi sono carichi di fiori, ci sono anfore e vasi con piante dappertutto.

L’atmosfera è incantevole e lo scenario affascinante. Bellissimo passeggiare attorno alla cinta muraria e fare una capatina al Museo storico con la sua ricca collezione di reperti medievali. Discorso a parte merita il Castello di Gradara, i romantici della storia d’amore tra Paolo e Francesco lo ricorderanno senza problemi. La storia racconta che fu in questa roccaforte che si consumò l’amore fra i due amanti.

La città è raggiungibile dall’A14 uscita di Cattolica.

È una delle feste romagnole più conosciute, il Palio del daino si tiene a Mondaino verso la fine del mese di agosto. Unisce le contrade di Mondaino, Borgo, Castello, Contado e Montebello che si sfidano per vincere il palio.

Ci sono spadaccini, cavalieri, dame, mercanti e giocolieri. Attori e attrici in costume d’epoca che sfilano per i vicoli, le viuzze e la piazza centrale trasformata in un teatro a cielo aperto. La città è legata alla famiglia dei Malatesta e alle vicissitudini che colpirono questa dinastia.

Da vedere l’imponente Rocca Malatestiana, del XIV secolo, che ospita il Museo Paleontologico del tripoli mondainese. La città è raggiungibile dall’autostrada A14 uscita Cattolica.

Come non menzionare San Marino, il piccolo stato che ha saputo tenere a bada eserciti e poteri europei. Ci sono chiese, basiliche, musei e palazzi da ammirare per bellezza e architettura.

Da visitare le tre Torri “Guaita, Cesta e la Torre del Montale” che cingono la città e riportano a quell’atmosfera medievale tipica di questo territorio. Ma il bello di San Marino è San Marino stessa, la città è da percorrere a piedi, con scarpe comode e una bottiglia d’acqua soprattutto in estate perché fa caldo. Solo così si possono ammirare gli scorci, le stradine, i portali delle case. O scoprire le tante e bellissime botteghe che vendono oggetti artigianali e souvenir.

È raggiungibile dall’A14 con uscita Rimini Sud o in autobus con la linea San Marino-Rimini.

Se ci spostiamo verso l’entroterra romagnolo, in provincia di Rimini, troviamo il borgo di San Leo che Umberto Eco definì come “la città più bella d’Italia”.

E bella lo è davvero per via del panorama sulla Vallata del Marecchia fino al mare, il forte e le chiese. È una città d’arte che trasuda storia ovunque: dalla stradina defilata alla piccola casa con una finestrella fiorita. La piazza centrale è circondata da palazzi storici come il Palazzo Mediceo, Palazzo Della Rovere e altre abitazioni datate tra il XIV e il XIX secolo.

È stata riconosciuta nel 2012 Città Gioiello d’Italia dal Ministero del turismo. Si raggiunge dall’autostrada A14 con uscita al casello di Rimini Nord.

Per chi ama i bei panorami e vuole trascorrere una giornata diversa dal solito consigliamo di visitare Montefiore, che con la sua Rocca malatestiana apre una finestra sulla bellissima Valconca.

Siamo in provincia di Rimini, tra colline e borghi lontani dal turismo di massa, dove è possibile respirare aria pura e fare lunghe passeggiate immersi in un’atmosfera incantata e senza tempo. Molto conosciuta è la festa “Rocca di luna” che si svolge a luglio durante la settimana della luna piena. Per l’occasione si fanno spettacoli, musiche, danze. Si arriva dall’autostrada A14 uscita Cattolica.

Armatevi di casco, torcia e buoni scarponi perché la visita alle Grotte di Onferno va fatta preparati. E se siete amanti del trekking e dell’avventura questo percorso è proprio quello che fa per voi.

Si va alla scoperta di un mondo sotterraneo fatto di passaggi scavati nella roccia, cunicoli e pipistrelli. E compreso nel biglietto c’è anche l’ingresso al Museo Naturalistico e al Giardino Botanico. Il percorso non è complicato ed è adatto anche ai bambini che lo troveranno piacevole. Un’avventura affascinante diversa dal solito che lascia tutti a bocca aperta. Le grotte sono raggiungibili dalla provinciale 31 fino a Coriano e si prosegue sulla SP 18 in direzione Gemmano.

È una città medievale dalle antiche origini, circondata da verdi colline e sentieri naturalistici. È molto apprezzata dai turisti sia per le sue bellezze storico artistiche sia per la natura incontaminata.

Famose sono le sue fiere che da sempre hanno richiamato gente da tutto l’entroterra di Rimini e i suoi monumenti. Santarcangelo è conosciuta anche per le Grotte tufacee. Gallerie nel sottosuolo la cui origine è ancora incerta. La città è ben collegata con tutte le principali arterie viarie e l’autostrada A14 uscita Rimini Nord, ha una stazione ferroviaria e molti sono gli autobus da e per Santarcangelo.

Nella parte occidentale di Rimini troviamo il paese di Verucchio, che domina sulla vallata del Marecchia.

È un borgo dalle origini molto antiche, reperti e corredi funerari hanno mostrato la presenza di una civiltà etrusca in questo territorio. È ricco di agriturismi ed aziende vinicole dove poter gustare ottimi vini romagnoli. Il centro storico è medievale e aggrega musei, chiese e ristorantini arroccati attorno alla Rocca Malatestiana. Verucchio è raggiungibile dall’A14 con uscita Rimini Nord.